Toxicity

Toxicity

Che cosa accadrebbe in Italia se una famiglia di occupanti abusivi, numerosa e razzista, fosse costretta a dividere un appartamento popolare con una famiglia di somali in altrettanta precarietà, per errore della stessa amministrazione che da anni gli promette considerazione?

Da qui parte il racconto dell’incontro forzato tra la famiglia Masciopinto, torinesi virulenti e pieni di vita, fascisti anarcoidi e aspiranti artisti tenuti faticosamente insieme da un capofamiglia che coltiva inconsciamente il sogno di abbandonare tutti e fuggire, e la famiglia di Abdirashid, un somalo che vivacchia con un permesso di protezione sussidiaria mantenendo due figli piccoli e una moglie che ha un unico obiettivo: raggiungere la sorella in Danimarca con tutta la famiglia.

Questi due sistemi familiari, separati apparentemente da anni luce per cultura e interessi, finiranno presto per collidere. E nel più fragoroso dei modi.

Tra di loro s’innestano le vicende della famiglia Buondonno – un ras di Barriera di Milano – e della famiglia Giolo – quella del vigile-sceriffo di Barriera di Milano, un piccolo Kojak incrociato con Dexter, che sogna di ripulire Barriera da Buondonno e tutti i mafiosetti del quartiere a bordo della sua punto bianca primo modello.

A incorniciare il racconto delle aspirazioni delle quattro famiglie un misterioso delitto…

“Toxicity” è un progetto seriale di Matteo Berdini e Ulrik Brüel Gerber.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *