Archivio tag: arianna meccanica

Broadchurch - Series II...KUDOS FILM AND TELEVISION PRESENTS
BROADCHURCH SERIES 2 FOR ITV
EPISODE 6
Images are under strict Embargo not to be used before the 3RD FEBRUARY.
PICTURED : CHRALOTTE RAMPLING as Jocelyn Knight.
Copyright ITV/Kudos.

Il verdetto

E infine giunse il verdetto.

Quattro i premi che i partner di FictionLab hanno attribuito.

Il sostegno di 15.000 € che Rai Fiction stanzierà per l’attivazione di un progetto è stato attribuito al period drama RAGAZZE DI CONFINE diLara Prando, Benedetta Gallo, Raffaella Persichella, moderno romanzo di formazione di due giovani ragazze che a Trieste nel 1947 sono alle prese con conflitti geografici e culturali, nazionalismi e pregiudizi di genere.

Sky ha invece scelto di premiare – sempre con uno stanziamento di 15.000 € – il dramedy GIAMAI’CA (già Toxicity), scritto da Matteo Berdini e Ulrik Bruel Gerber, anarchico, irriverente racconto della quotidianità di borgata tra sopravvivenza e multietnicità che si incontrano e scontrano.

La giuria di Anica e APT ASSOCAZIONE PRODUTTORI TELEVISIVI – composta da Stefano Balassone, Laurentina Guidotti, Federica Lucisano, Matteo Levi e Chiara Sbarigia, chiamata a scegliere il progetto cui attribuire 5.000 € stanziati dalle due associazioni di categoria  – ha voluto premiare il prison crime 41 BIS scritto da Ivano Fachin, Sofia Bruschettastoria di Diego studente di giurisprudenza condannato e rinchiuso in carcere per l’omicidio della madre. E’ errore giudiziario? Una menzione speciale è stata data a LOMBROSO di Luca Pedretti, Giustino Pennino e Davide Orsini.

La giuria di qualità messa in campo dalle due realtà promotrici di FictionLab, ovvero Film Commission Torino Piemonte e TorinoFilmLab,composta dal critico Luca Bandirali, la produttrice Verdiana Bixio, la sceneggiatrice Barbara Petronio, il regista Lucio Pellegrini e l’attore Fabio Troiano ha scelto Luca Pedretti, Giustino Pennino e Davide Orsini autori di LOMBROSO  quali destinatari di ulteriori 5.000 € a favore della scrittura seriale con questa motivazione: per la capacità di raccontare un personaggio affascinante e controverso attraverso codici di genere sia nuovi che consolidati. La sfida sarà quella di essere all’altezza di sviluppare un progetto nazionale con una grande propensione al mercato internazionale.

Ad ARIANNA MECCANICA  di Matteo Visconti, Giacomo Bisanti e Costanza Durante è andata una menzione specialeper l’idea originale e ambiziosa di unire il teen drama alla fantascienza e la capacità di osare nel raccontare tematiche universali e riconoscibili.

 

artsfon.com-78613

Il Lab dei nove

La rete41 bisPoteri fortiLombroso, InriArianna meccanicaToxicity, Ragazze di confine, L’educazione di Irene.

 

Arianna meccanica

Arianna meccanica

Mio padre mi ha spenta.

Presente l’I-Phone? Spenta. Mi ha messo due dita sulle tempie, ha detto qualcosa che non ho capito e BAM, sono crollata. Ora sento e vedo tutto ma non posso muovermi. O parlare. Non che voglia fare grandi discorsi ma anche un urlo isterico potrebbe andare. Mi fa: “Ti spiegherò tutto”. Poi mi ha messo nel bagagliaio di una macchina. Ottimo. Parla con il suo collega, il padre di Rebecca. Gli dice: “E’ solo per un paio di giorni. Quelli non sanno niente. Stanno cercando un programma non una persona”. Il tizio mi guarda e dice: “Questa non è una persona”.

Aspettate un attimo. Ho 14 anni. Mi chiamo Arianna. Mi sono appena trasferita a Torino. Ho le tette piccole e il culone. Io sono una persona! Magari non la più semplice, ma, oh, sono un’adolescente orfana di madre che per tutta la vita ha cambiato case, nazioni e continenti a cadenza regolare. Sono il sogno di ogni analista. Se non fosse per un piccolo particolare. Un piccolo particolare che prima non conoscevo e a cui ancora faccio fatica a credere: sono un robot. Mi hanno programmato per sentirmi umana, ma non sono umana. Sono solo una stringa di codice, interlacciata a un ginosoma a base di carbonio. Ma allora perché io mi sento così simile agli umani?

“Arianna meccanica” è un progetto seriale di Giacomo Bisanti e Matteo Visconti.

9ball_rack_2

Pool!

Un’adolescente cicciona e brufolosa un bel giorno scopre di essere un robot e la sua vita diventa, se possibile, ancora più complicata; un ragazzo innocente, condannato all’inferno delle carceri italiane, si trova nel bel mezzo di una faida, e capisce di non essere lì per caso; una giovane donna appartenente al primo corpo di polizia femminile italiana indaga su efferati delitti nella Trieste del dopoguerra; nella bislacca redazione di un giornale on line, un manipolo di blogger squinternati è intento a smascherare bufale e finti complotti del web, finché un complotto tutt’altro che finto li trascina in un vortice di avventure esilaranti; un poliziotto dall’incrollabile fede cattolica si mette sulle tracce di un serial killer che uccide giovani musulmani crocifiggendoli per le strade di Roma; una ragazza cinica, superficiale e un po’ zoccola finisce a scontare una pena detentiva in una comunità di malati mentali; un direttore sportivo senza scrupoli torna a immergersi nel fango del mondo del calcio per prendersi una rivincita personale; una famiglia di squatter fascisti e una di rifugiati somali si ritrovano a dividere lo stesso appartamento; il fondatore della moderna criminologia, Cesare Lombroso, indaga su delitti di stampo soprannaturale nella Torino di fine ‘800.

Arianna meccanica di Giacomo Bisanti e Matteo Visconti; 41 Bis di Sofia Bruschetta e Ivano Fachin; Ragazze di vita di Benedetta Gallo, Raffaella Persichella e Lara Prando; Poteri forti di Paolo Borraccetti; INRI di Elena Donadon; L’educazione di Irene di Matteo Carlomagno e Lorenzo Colonna; La rete di Mirko Cetrangolo e Stefano Di Santi; Toxicity di Matteo Berdini e Ulrik Brüel Gerber; Lombroso di Luca Pedretti e Giustino Pennino con la collaborazione di Davide Orsini.

Sono questi i 9 progetti seriali che passano il turno e accedono alla seconda fase del FictionLab che si terrà a Torino l’8, il 9 e il 10 aprile.

In bocca al lupo a tutti!

cropped-FL-logo1.jpg

Dodici nuove serie tv

Questi sono i 12 PROGETTI FINALISTI del FICTIONLAB 2016:

41BIS Ivano Fachin e Sofia Bruschetta (Prison crime)

Un innocente entra nell’inferno delle carceri italiane, tra le organizzazioni criminali più temute al mondo. Non si trova lì per caso: nell’ultimo girone, al 41 BIS, c’è qualcuno che lo aspetta. Sopravvivere è solo l’inizio, poi non rimane che imparare.

ARIANNA MECCANICA Giacomo Bisanti e Matteo Visconti (Fantasy, Teen Comedy)

Arianna ha 14 anni e si è trasferita con suo padre a Torino per iniziare una nuova vita. Cosa resa più complicata dal fatto che il primo giorno di scuola scopre di essere il primo esemplare al mondo di intelligenza artificiale integrata in un corpo sintetico.

DOPPIA LUCE Laszlo Barbo (Supernatural mystery)

In una Roma oscura e piena di mistero la figlia di una senatrice viene rapita. Dietro ci sono enormi interessi.  A salvare la bambina è chiamata una controversa investigatrice, una giovane donna dotata di qualità straordinarie che porta con sé segreti indicibili.

IL PROSSIMO TUO Massimo De Angelis (Mystery crime)

All’ombra di un gigantesco coniglio rosa un’inspiegabile morte intreccia il difficile passato di Ester, una giovane magistrata al suo primo incarico, a una misteriosa comunità montana di persone segnate dalla sofferenza.  

INRI Sura Elena Donadon (Crime, Thriller)

In una Roma terrorizzata da un serial killer che crocifigge giovani musulmani, Enrico Parenti, investigatore dei ROS, deve recuperare il rapporto con il figlio Claudio convertitosi all’Islam, trovare l’assassino e nascondere una terribile ossessione.

L’EDUCAZIONE DI IRENE Matteo Carlomagno e Lorenzo Colonna (Psychological drama)

Lo scontro fra il mondo di una ragazza scaltra ma emotivamente superficiale e quello di una comunità di riabilitazione psichiatrica costringerà entrambi a compiere delle scelte inaspettate che sconvolgeranno l’ordine (apparente) delle cose.

LA RETE Mirko Cetrangolo, Stefano di Santi (Drama)

Dopo una lunga squalifica, Pietro Bottero, ex padrone del calcio italiano, torna nel mondo del calcio e ricomincia come DS del Torino. In una lunga estate di politica, vendette e calciomercato, Pietro è disposto a tutto per riconquistare il suo potere.

LOMBROSO Luca Pedretti e Giustino Pennino (Mistery, Fantasy)

Torino, fine 800: una serie di omicidi sconvolge la città. Le vittime legate agli ambienti monarchici e altolocati condividono lo stesso modus operandi, legato alla leggendaria “Velata”. Il fondatore della criminologia Cesare Lombroso indaga.

NO MAN’S LAND Maurizio Amendola (Drama)

Nella più costosa e competitiva accademia di tennis del mondo le strade di Coach Paolo Mastroianni e della giovane promessa Flavio Manes si incrociano nella ricerca della giusta posizione in campo e nella vita. Non conta solo vincere, ma sentirsi vivi.

RAGAZZE DI VITA Benedetta Gallo, Raffaella Persichella e Lara Prando (Historical mystery)

1947. Trieste è divisa in due zone: Zona A e Zona B. La Zona A si dota del primo corpo di polizia femminile nella storia d’Italia: le Triestine. Viola è una di loro: entra in conflitto col fratello Raoul che cerca la libertà sul fronte opposto.

TOXICITY Matteo Berdini e Ulrik Brüel Gerber (Family, Crime)

Una famiglia di squatter fascisti e una famiglia di rifugiati somali finiscono per errore a condividere lo stesso appartamento popolare nella periferia di Torino. La convivenza sembra impossibile e a complicare le cose c’è anche un omicidio.

POTERI FORTI Paolo Borraccetti (Satirical Comedy)

Le improbabili avventure di un gruppo di scrittori/blogger e del loro giornale indipendente on line “Poteri Forti”, che si batte per smascherare oscuri complotti. Una serie comica politicamente scorretta, che racconta il “popolo della rete”.

 

Per informazioni su uno dei progetti finalisti di FictionLab scrivere a: fictionlab@fctp.it

Cantastorie

Dodici piccoli intrecci

In breve, eccoli qui:

RAGAZZE DI VITA  è una storia ambientata nel 1947 a Trieste. La vicenda ruota intorno al primo corpo di Polizia femminile italiano. Viola, la protagonista, è alle prese con una serie di atroci delitti apparentemente scollegati tra loro e tenuti insieme da un unico elemento comune: tutte le vittime hanno in qualche modo a che fare con il lager nazista della Risiera di San Sabba.

In 41 BIS Diego è un placido studente di giurisprudenza che, in seguito ad un clamoroso errore giudiziario, finisce in carcere accusato dell’omicidio di sua madre, e si troverà coinvolto in una terribile faida tra clan rivali.

POTERI FORTI racconta le storie di una squinternata equipe di blogger ingaggiata da una fantomatica azienda per smascherare complotti e cospirazioni.

L’EDUCAZIONE DI IRENE narra le vicende di una giovane ragazza che, in seguito ad un incidente, viene condannata a 500 ore di servizi socialmente utili in un appartamento psichiatrico. Ma chi sono i veri pazzi? I rinchiusi o quelli che stanno fuori?

INRI racconta, da un lato, l’indagine di  Enrico, poliziotto italiano e fervente cattolico, su una serie di brutali delitti a sfondo religioso ai danni di uomini di fede musulmana, e, dall’altro, il rapporto con il figlio adolescente Claudio che ha appena scelto di abbracciare l’Islam.

LOMBROSO narra le vicende del celebre medico e antropologo, padre della moderna criminologia, che dopo l’arresto del primo serial killer italiano, si trova alle prese con una fantasmagorica serie di omicidi che non sembra provenire dal mondo terreno.

LA RETE è la storia di una scalata al potere ambientata tra gli oscuri meandri del mondo del calcio. Pietro è un procuratore senza scrupoli, pronto a tutto per riprendersi il ruolo che gli spetta ai vertici dello sport nazionale.

In ARIANNA MECCANICA, una preadolescente miope, grassoccia e disagiata scopre di essere un robot. Ma un robot che prova sentimenti può davvero essere considerato solo una macchina?

TOXICITY ossia: che cosa accadrebbe in Italia se, a causa di un errore burocratico, una famiglia di occupanti abusivi, numerosa e razzista, fosse costretta a dividere un appartamento popolare con una famiglia di somali in altrettanta precarietà? Probabilmente si ammazzerebbero tra loro, se non fosse che è proprio un misterioso delitto a tenerli uniti.

In DOPPIA LUCE Francesca si occupa di ritrovare persone scomparse, soprattutto bambini. Francesca ha un dono e un problema: riesce a vedere nel subconscio delle persone, siano esse vittime o carnefici, ma parte delle malvagità contro cui combatte le resta appiccicata all’anima in maniera indelebile.

IL PROSSIMO TUO è la storia di una donna, Ester, magistrato che si trova ad indagare sulla misteriosa morte di un uomo presso una comunità montana che vive isolata dalla civiltà. All’interno di questa comunità, Ester si troverà faccia a faccia con i fantasmi del proprio passato.

NO MAN’S LAND. Terra di nessuno. Viene chiamata così la zona di campo in cui un tennista non deve mai farsi trovare poiché da lì è impossibile ribattere ai colpi. La prestigiosa Accademia dove il coach Paolo Mastroianni insegna tennis ospita ragazzi provenienti da ogni parte del mondo, che dovranno imparare a confrontarsi con gli avversari ma soprattutto con se stessi.

l43-starter-lorenzo-141211164826_big

Pronti, partenza, via!

Tutto è pronto per la nuova edizione di FictionLab, il laboratorio di scrittura per Serie Tv lanciato lo scorso anno da Film Commission Torino Piemonte.

I 12 progetti che prenderanno parte al primo dei tre workshop previsti dal regolamento sono:

41 BIS di Ivano Fachin e Sofia Bruschetta; DOPPIA LUCE di Laszlo Barbo; IL PROSSIMO TUO di Massimo De Angelis; INRI di Elena Donadon; L’EDUCAZIONE DI IRENE di Matteo Carlomagno e Lorenzo Colonna; LA RETE di Mirko Cetrangolo e Stefano Di Santi; LOMBROSO di Luca Pedretti e Giustino Pennino; NO MAN’S LAND di Maurizio Amendola; POTERI FORTI di Paolo Borraccetti; RAGAZZE DI VITA di Lara Prando, Benedetta Gallo e Raffaella Persichella; TOXICITY di Matteo Berdini e Ulrick Gerber; ARIANNA MECCANICA di Matteo Visconti e Giacomo Bisanti.

Anche quest’anno FictionLab si pone come obiettivo quello di incentivare concrete sinergie tra autori, produttori e broadcasters, e favorire l’effettiva realizzazione dei progetti partecipanti.

Il laboratorio prevede la realizzazione di 3 workshop tra marzo e giugno 2016 nel corso dei quali gli autori daranno forma alle loro creazioni seriali. I progetti verranno presentati a produttori e broadcasters in due occasioni: una prima volta al termine del primo workshop, attraverso un pitch finalizzato a presentare il concept della serie e ad aggiudicarsi eventuali opzioni; una seconda volta al termine del percorso formativo, attraverso un pitch finalizzato a presentare l’arco narrativo della serie.

La competizione, secondo il regolamento di quest’anno, si fa più serrata, prevedendo eliminazioni dopo ogni singolo workshop.

Anche per questa edizione FictionLab può contare sulla collaborazione di Rai Fiction e  Sky, e viene organizzato con il supporto di APT Associazione Produttori Televisivi e ANICA, e con il patrocinio di 100autori, Scuola Holden e Writers Guild Italia. Il TorinoFilmLab, saldo e rinomato laboratorio di scrittura a livello internazionale, già partner del progetto dalla sua nascita, assume il ruolo di vero e proprio partner organizzativo e strutturale.